LA GRAMMATICA DELLA FANTASIA

 

<<Le immagini appartengono ad un particolare dominio fantastico: suggeriscono dei concetti, evocano altre immagini e stabiliscono con lo spazio un rapporto di interdipendenza non necessariamente realistico.

La lira, la coppa capovolta e il dado esemplificano questo scambio suggestivo tra realtà e immaginazione che è proprio del gioco.

Ciascuna immagine riassume un concetto:

la lira => l’armonia;

la coppa magrittiana => la leggerezza e il sogno;

il dado => il caso.

Ciascun concetto rimanda a sua volta ad un linguaggio (rispettivamente: poesia, arte, filosofia).

Ogni linguaggio è un esercizio complesso di equilibrio tra le sue parti: le figure sono in bilico, sempre sospese tra realtà e immaginazione; i loro contorni incerti e aerei si fondono con lo spazio per incastrarsi in serie diverse di delicati rapporti.

Tra immagini e linguaggio si stabilisce un’unione altrimenti inesplicabile, solo il tentativo, la ripetizione (ritornello musicale, pennellate cromatiche, gesto del lancio) si approssimano ad esprimere l’insostenibile leggerezza del pensiero.>>

GEMMA ADESSO - autrice delle immagini su tela